08 apr 2017

8.4.2017 omino71 x TRENTA3 Speaking in vinyl @ Rosso20Sette (Roma)

  • Rossoventisette ArteContemporanea
Via del Sudario 39, 00186 Roma
dall'8 aprile al 25 maggio 2017

Il giorno 8 aprile 2017 alle ore 18.00 Rosso20sette arte contemporanea presenta nel nuovo spazio in Via del Sudario a Roma la mostra “TRENTA3 - Speaking in vinyl”, collettiva di artisti sul rapporto tra arte contemporanea e vinile, con un testo critico di Edoardo Marcenaro. 

“Molto è stato scritto sul rapporto tra arte contemporanea e vinile, numerose le mostre e gli eventi che hanno rappresentato la stretta collaborazione tra musicisti e artisti, dai Beatles con Richard Hamilton e Peter Blake, ai Rolling Stones e i Velvet Underground con Andy Warhol, dai Rammelzee con Jean Michel Basquiat a Mick Jagger con Francesco Clemente e Grace Jones con Keith Haring, fino ai più recenti Hours con Damien Hirst e Blur con Julian Opie e Banksy, solo per citarne alcuni. E negli ultimi tempi proprio Banksy sembra essere stato identificato con il cantante fondatore dei Massive Attack, Robert '3D' Del Naja, data la sempre più frequente presenza di opere dell’artista nelle città toccate dai tour del gruppo. (...)

Oggi Rosso20sette propone con la mostra Trenta3 una varietà di 33 artisti, italiani e stranieri, che hanno tutti accettato con grande entusiasmo di lavorare sul vinile, nelle più svariate forme d'arte, dalla pittura alla illustrazione, dalla fotografia alla street art, in linea con quanto abbiamo visto come l’arte contemporanea aver sempre fatto parte della storia della musica negli ultimi cinquant’anni. (...)

Resta un solo problema: apprezzeranno i musicisti il fatto che un loro disco sia stato trasformato in opera d'arte? A mio giudizio dovrebbero essere contenti, visto che solo recentemente il vinile è ricomparso nei negozi di musica, dai veri intenditori preferito rispetto a cd e mp3, laddove per molti anni è stato per pochi oggetto di culto ma per i più motivo di ingombro in soffitte o cantine. Alla fine del 2015 in Gran Bretagna, mercato musicalmente parlando molto attivo in quanto patria di rock, punk e new wave, le vendite del vinile hanno superato le vendite di musica scaricata digitalmente, fenomeno peraltro non solo inglese. Quindi una sola conclusione: lunga vita al vinile, lunga vita all'arte su vinile.” (Edoardo Marcenaro)

I 33 artisti: Chakib Benkara, Mr Klevra, Solo, Diamond, Tanino Liberatore, Matteo Basile', Marco Petrella, Pax Paloscia, Mauro Cicaré, Omino71, RemyUno, Matteo Casilli, Amalia Caratozzolo, Agostino Iacurci, Marco Bettini, Tommaso Medugno, Angelo Marinelli, Gerlanda Di Francia, Davide Bramante,Germano Serafini,Piotr Hanzelewicz,Federico Lombardo,Antonello Silverini,Luigi Orru, Navid Azimi Sajadi, Riccardo Cecchetti, Davide Toffolo, Tellas,Camilla Falsini, Riccardo Magherini, Emiliano Ponzi, Emanuele Barbagallo, Max Ciogli.


Trenta3 - “Speaking in vinyl”



“A un certo punto è la musica, anzi un’idea della musica, a suggerire l’immagine” Luigi Ghirri


Molto è stato scritto sul rapporto tra arte contemporanea e vinile, numerose le mostre e gli eventi che hanno rappresentato la stretta collaborazione tra musicisti e artisti, dai Beatles con Richard Hamilton e Peter Blake, ai Rolling Stones e i Velvet Underground con Andy Warhol, dai Rammelzee con Jean Michel Basquiat a Mick Jagger con Francesco Clemente e Grace Jones con Keith Haring, fino ai più recenti Hours con Damien Hirst e Blur con Julian Opie e Banksy, solo per citarne alcuni. E negli ultimi tempi proprio Banksy sembra essere stato identificato con il cantante fondatore dei Massive Attack, Robert '3D' Del Naja, data la sempre più frequente presenza di opere dell’artista nelle città toccate dai tour del gruppo. Anche la fotografia ha avuto una forte relazione con la musica, moltissime le copertine di vinili con foto d’artista, tra cui Richard Avedon per Simon & Garfunkel, Joan Baez e Cher, Robert Mapplethorpe per Patti Smith e Laurie Anderson, Araki per Bjork, per poi non parlare del mondo del jazz più volte immortalato da grandi fotografi come William Claxton e Anton Corbijn. Mi limiterò pertanto a descrivere la mia esperienza di collezionista di arte contemporanea e vinile, partendo da un artista e da un musicista che a mio modo di vedere sono stati entrambi fondamentali nel rapporto tra arte e musica, vinile in primis: Andy Warhol e David Byrne. “My name is Andy Warhol. I’d like to make a record cover for you”: più di 60 cover dal 1949 al 1987, senza considerare l’attività di promozione e supporto di gruppi quali i Velvet Underground & Nico nel 1966, con lo show multimediale “Exploding Plastic Inevitable”, seguito dalla iconica banana sbucciabile sulla copertina del primo disco della band, fino ad arrivare all’ultima apparizione nel 1987 nel video “Misfit” del gruppo pop Curiosity Killed the Cat. Degno di nota il catalogo ragionato, a cura di Paul Maréchal, delle copertine di dischi concepite da Andy Warhol, considerate vere e proprie opere d’arte alla stregua delle sue Marylin e Campbell’s Soup. David Byrne, dal 1974 al 1988 cantante e leader dei Talking Heads, poi artista solista con all’attivo varie collaborazioni e raccolte di musica etnica, è un grande musicista e al contempo un artista contemporaneo di tutto rispetto, autore sin dal 1978 con Tina Weymouth (la bassista del gruppo) della copertina di “More Songs about Building and Food”, un ritratto dei quattro componenti del gruppo costituito da un collage di più di cinquecento polaroid; altresì coautore con Brian Eno della cover di “My life in the bush of ghosts”, ottenuta attraverso il montaggio di frammenti video provenienti da un monitor, senza dimenticare are che la maggior parte dei video dei Talking Heads sono opera sua, prodromi del suo lungometraggio “True Stories”. Veniamo ora al vinile, “speaking in vinyl”. La Sire Records Company nel 1983 commissiona a Robert Rauschenberg package e cover di “Speaking in Tongues” dei Talking Heads: un vinile in plastica trasparente confezionato con tre dischi di plastica altrettanto trasparente, stampato con collage in tre diversi colori, per cui l’artista vince un Grammy Award. Andy Warhol l’11 luglio 1983 racconta nei suoi diari di aver comprato il disco un mese dopo la sua uscita e aver poi sentito Rauschenberg, “(…) sconvolto perché aveva preso solo 2000 dollari. Gli ho detto che aveva ragione, avrebbe dovuto prenderne 25000” (da “I Diari di Andy Warhol”, De Agostini, Novara 1989, p. 377). Questa la stima di un vinile come opera d’arte nel 1983, fatta da Andy Warhol… Oggi Rosso20sette propone con la mostra Trenta3 una varietà di 33 artisti, italiani e stranieri, che hanno tutti accettato con grande entusiasmo di lavorare sul vinile, nelle più svariate forme d'arte, dalla pittura alla illustrazione, dalla fotografia alla street art, in linea con quanto abbiamo visto come l’arte contemporanea aver sempre fatto parte della storia della musica negli ultimi cinquant’anni. Non mi è possibile descrivere tutti i lavori dei trentatré protagonisti della mostra, che ho raggruppato in artisti, fotografi, illustratori e street artist. Non me ne abbiano a male gli artisti che non cito espressamente, per i quali rinvio alle opere raccolte nel presente catalogo. Iniziamo con l’eclettica Pax Paloscia, al contempo pittrice, street artist, illustratrice, fotografa e videoartista, tutte forme d’arte che esegue con la più grande passione, come dimostrano le sue due opere su vinile, una con tanto di accompagnamento del suo alter ego Nunzio. Altri artisti sono Piotr Hanzelewicz e Chakib Benkara con lavori molto materici, il primo fatto di sessantasei monete da un centesimo di euro invecchiate, il secondo con lo stesso vinile accartocciato per diventare opera d’arte; sempre materica con un richiamo al formato del 33 giri l’opera del maestro internazionale Agostino Iacurci; e poi Marco Bettini, l’artista romano più “Born in the USA”, Max Ciogli, che analizza il contenuto del vinile, un disco di Mozart, e dipinge sullo stesso i colori corrispondenti al momento sonoro del brano al minuto 4.15. Ora gli illustratori: Gaetano "Tanino" Liberatore, soprannominato da Frank Zappa il "Michelangelo del fumetto”, Marco Petrella, con il suo lavoro dedicato al disco per eccellenza della musica jazz, “Kind of Blue” di Miles Davis; e poi Mauro Cicarè, Antonello Silverini, Camilla Falsini, Riccardo Cecchetti Emiliano Ponzi, Amalia Carotozzolo e Davide Toffolo che presenta tre 45 giri (prima eccezione al 33 giri). Fotografi come Davide Bramante con il disco dedicato a New York, regno della musica jazz dagli Anni 40 ai giorni nostri, Riccardo Magherini con un 78 giri (altra eccezione al formato del 33 giri) dedicato a Pak Khlong, la elegante e al contempo surreale fotografia di Matteo Basilè, Matteo Casilli con i suoi ritratti di musicisti, avendo scelto per la mostra Davide Toffolo. Da ultimo, certamente non in ordine di importanza, gli street artist romani come Diamond con le sue “Femme Fatale”, i lavori dedicati a Star Wars di Solo, Tellas con il suo disco sott’acqua, le icone sacre di Mohamed Ali e Nelson Mandela proposte da Mr. Klevra e i personaggi pop di Omino 71, da Topolino a George Washington. Cosa succede quando un long - playing passa da supporto fonografico a supporto per fare un’opera d’arte, pittorica, scultorea o fotografica che sia? Si assiste a un vero e proprio fenomeno di détournement, la pratica politico-artistica elaborata all'interno del movimento dell'internazionale situazionista, che tradotta in termini più concreti significa cercare nei mercatini di Porta Portese o Camden Town un vinile a un euro o una sterlina, proporre a un artista di usarlo come supporto per trasformarlo in un'opera d'arte, una sorta di lavagna nera su cui lavorare, per vedere rinascere il vinile sotto altra forma. Resta un solo problema: apprezzeranno i musicisti il fatto che un loro disco sia stato trasformato in opera d'arte? A mio giudizio dovrebbero essere contenti, visto che solo recentemente il vinile è ricomparso nei negozi di musica, dai veri intenditori preferito rispetto a cd e mp3, laddove per molti anni è stato per pochi oggetto di culto ma per i più motivo di ingombro in soffitte o cantine. Alla fine del 2015 in Gran Bretagna, mercato musicalmente parlando molto attivo in quanto patria di rock, punk e new wave, le vendite del vinile hanno superato le vendite di musica scaricata digitalmente, fenomeno peraltro non solo inglese. Quindi una sola conclusione: lunga vita al vinile, lunga vita all'arte su vinile. 
“La musica più bella è quella che abbiamo visto sulle copertine dei vinili” Omino71 

Edoardo Marcenaro